giovedì 4 febbraio 2016

Recensione di Il Castello Errante di Howl



Il castello Errante di Howl


Lo so bene che questo è un film d'animazione un po' datato, ma mi piacerebbe fare una piccola recensione per ogni capolavoro di Hayao Miyazaki.
La sceneggiatura è stata scritta grazie all'omonimo libro di Diana Wynne Jones del 1984.
Questo è uno di quei film che ti fa sognare, che ti lascia a bocca aperta.

STORIA IN BREVE
Questa è la storia di Sophia, una dolcissima e determinata ragazza che lavora nel negozio di cappelli del padre.
Mentre è intenta a fare delle commissioni fuori città, Sophia incontra Howl, un giovane mago temuto da tutti.
La salva da alcuni brutti ceffi che non la lasciano in pace e riesce persino a farle sorvolare la città; alla scena assiste anche la strega delle lande, che è a caccia di Howl.
Sophia quella stessa sera, rimane da sola nel suo negozio e le fa' visita proprio la strega delle lande che le scaglia una terribile maledizione che le farà assumere le sembianze di una vecchietta di novant'anni.
Sophia così decide di lasciare la città per non intimorire i suoi famigliari; lungo il cammina incontra testa di rapa, un adorabile spaventapasseri animato, che sembra nascondere qualche segreto.
Sophia chiede a testa di rapa di aiutarla a trovare un rifugio e lui la conduce nel castello errante di Howl; viene accolta dal demone del fuoco Calcifer , un demone molto potente che riesce a far muovere il castello. Dapprima non vuole far entrare Sophia, ma poi si accorge che, come lui, anche Sophia è vittima di una maledizione e così stringono un patto. Calcifer scioglierà la maledizione di Sophia se lei riuscirà a sciogliere la maledizione che lo lega ad Howl.
Calcifer non è solo nel castello infatti il giorno seguente incontra Markl un giovane mago apprendista di Howl.
Sophia inizia a scoprire tutte le magie di quel castello per esempio la porta, che è un portale magico che conduce a quattro diverse località del mondo.
Howl intanto ritorna nel castello e Sophia si presenta come donna delle pulizie assunta da Calcifer; però il mago ha già capito che in realtà è la giovane donna che aveva incontrato giorni prima, ma non può dire niente perché anche lui è sotto un incantesimo.
Da qui si svilupperanno le vicende dei protagonisti, che saranno sempre più complici e diventeranno come una famiglia.
Howl è conteso da tutti gli esponenti dei vari governi per via della guerra in corso, ma lui non vuole essere complice di nessuno.
Howl viene fortemente condizionato dalla bontà d'animo di Sophia, la quale farà di tutto per aiutarlo a tirarsi fuori dalla spiacevole situazione in cui si trova.... ci riuscirà?
Vi consiglio assolutamente di vederlo.


La cose più bella per me, sta nel fatto che ogni volta che Sophia e Howl provano dei sentimenti reciproci, la maledizione di Sophia regredisce facendola tornare giovane, mentre se i sentimenti di Howl sono indirizzati solo verso l'aspetto fisico di Sophia, lei ritornerà vecchia.
I disegni ed i colori utilizzati sono bellissimi  e c'è la solita cura maniacale per i dettagli cosa che io adoro.
Le musiche sono stupende e in perfetta armonia con il film!
Inoltre le traduzioni rispecchiano fedelmente la cordialità dei giapponesi e la ricercatezza dei termini.
Davvero una chicca!



SPOILER NON LEGGETE SE NON L'AVETE VISTO