sabato 23 gennaio 2016

Recensione di Revenant - Redivivo




Vi voglio raccontare le mie impressioni sul film Revenant - Redivivo, il nuovo film con Leonardo Di Caprio che sono appena andata a vedere con mio marito.
Prima del film la domanda che mi balenava in testa era: ma questa volta riuscirà il bel Leonardo a conquistare l'ambita statuetta agli Oscar?Volevo scoprirlo vedendo questo film.Questo non è un film che possono vedere tutti, tanto meno i deboli di stomaco e non è adatto ad un pubblico di minori.All'inizio del film ci siamo chiesti: "wow due ore, sono tante però due ore, chissà com'è ..." e già fin dalla prima inquadratura abbiamo capito come mai avesse una durata di due ore: si viene incantati dall'acqua che scorre, che scorre, che scorre ancora, ma per quanto scorre?Oddio un piede! Finalmente si intravede qualcuno.In pratica lo spettatore viene introdotto nell'ambiente circostante attraverso delle riprese cinematografiche molto lente e addirittura delle riprese sui tramonti o sulla luna davvero troppo lunghi.  Ad un certo punto, per curiosità, mi sono messa a contare i secondi per un tramonto o per una certa inquadratura... addirittura 30 - 35 secondi.... veramente troppi!!!Comunque e' l'unico difetto, per quanto mi riguarda, per questo documentario....ops pardon....film. 
Ed ecco a voi un piccolo assaggio della trama: Hugh Glass è un cacciatore di pelli che riesce a sfuggire ad un attacco degli indiani, nel quale però vengono uccisi molti dei suoi compagni di viaggio. Da qui in poi gli capiteranno tantissime cose, anche inverosimili, per un essere umano normale. Ma il nostro Hugh ha una tempra d'acciaio e non si lascia spaventare davanti a niente, riuscirà persino a sopravvivere all'attacco di un orso, e questa è solo una delle cose che dovrà affrontare per avere la sua vendetta.
Penso che le scene che ho visto in questo film mi rimarranno impresse nella mente per sempre perché non ho mai visto niente del genere.Tra le scene che mi sono rimaste più impresse, per farvi capire senza spoilerare, ci sono sicuramente la scena degli indiani all'inizio, dell'orso e sopratutto del cavallo verso la parte finale del film. 
La scena del cavallo sicuramente è stata la scena più traumatizzante, e non volevo credere a quello che stava facendo.Alcune scene sono state agghiaccianti e talmente crude, che spesso ho dovuto distogliere lo sguardo.Nel complesso è un ottimo film, sia dal punto di vista della trama, sia per le ambientazioni spettacolari del nord America, e anche per gli effetti grafici mozzafiato. 
La recitazione di Leonardo è stata magistrale, davvero magnifica, ormai si esprime senza neanche dover parlare.Leonardo, secondo me, merita in pieno l'Oscar per questo film perché è riuscito a dare vita a questo personaggio, è riuscito ad appassionarci con la sua interpretazione, da cui traspariva tutto il suo dolore, l'amore per la sua famiglia e soprattutto la sua voglia di sopravvivere per avere giustizia.Bravo Leonardo!